Giovedì 14 Giugno 2001

Abbadia di San Giustina
Sezzadio (Alessandria)


 

Concerto in ricordo di Michele Pittaluga

Frédéric Zigante
e l'Orchestra da Camera
ENERGIENOVE

Boris ASAFIEV Concerto for guitar and orchestra
( Prima esecuzione - First performance)

Alexandre TANSMAN Concertino pour guitare et orchestre
(Prima esecuzione italiana - First italian performance)

Wolfgang Amadeus MOZART Sinfonia in la maggiore k. 209

"...Una magica serata con preziosità sonore nelle ampie volte dell'Abbazzia di S.Guistina a Sezzadio e anche sotto le stelle, per gli spettatori che hanno assistito, giovedì 14, al concerto in onore di Michele Pittaluga davanti al maxi schermo allestito all'esterno. Un concerto indimenticabile con il chitarrista francese Frédéric ZIGANTE e l'orchestra da Camera ENERGIENOVE di Torino. Un connubio eccezionale, una serata dedicata alla chitarra classica,che non si dimenticherà facilmente: tanti i bis offerti all'entusiasta platea..."

T.G.F. Il PICCOLO - Alessandria 18 Giugno 2001


Photo by Paola PRENCIPE

"... I was also impressed by the number of musicians who are not apparently connected with the guitar and which were there. Frédéric Zigante did a nice job with both the concertos, as well the excellent orchestra of young people, with its authoritative first violin (Liviabella) and its outstanding first cello (Manuel Zigante, the brother of the guitarist): they are good enough not to need any conductor, and the Mozart they played at the beginning of the program was as inspired and elegant as it would have been if Wolfgang Sawallisch would have been on the podium. It was important to listen in the same program to two works for guitar and orchestra written in the first half of 20th century, whose different musical flavours are "slavonian" and not Spanish: we have to admit that, when a program featuring a concerto for guitar and orchestra does not contain the obsessive A...z, it is already a refreshing promise. And a thought which cannot be missed: the complains about lack of audiences to guitar concertos did had no room at the Abbey, where the 550 available seats were sold out and a good deal of exceeding listeners had to follow the concert from outside, watching the screens wisely prepared by the organizers. Perhaps we have something to re-consider. ..."

Angelo GILARDINO Classical Guitar Mailing List 21 June 2001

I raffinati interpreti erano il chitarrista Frédéric Zigante e l'Orchestra da Camera Energienove, di recentissima formazione. I suoi quasi trenta musicisti sono solisti e prime parti di orchestre italiane ed internazionali, che per ragioni di studio o di lavoro gravitano intorno a Torino e alla DE SONO - Associazione per la Musica. Questa formazione, il cui nome si ispira alla storica rivista fondata a Torino da Piero Gobetti nel 1918, suona senza direttore. J.S.Bach e Mozart costituiscono, di solito, la prova del fuoco che ci dirà se siamo in presenza di eccellenti musicisti o di ottimi musicisti, ed è quanto è successo con l'esecuzione della Sinfonia n.29 K.201 di Mozart. Gli strumentisti di Ernergienove hanno messo in mostra un suono purissimo, omogeneo, di grande chiarezza e trasparenza, ma anche quell'intesa musicale ed personale fatta di sguardi, di accenni, di complicità umana e artistica che, unitamente alla felice scelta dei tempi e alle indovinate dinamiche, hanno restituito con grande bellezza la nota pagina mozartiana. Conoscevamo già, attraverso il compact disc della Stradivarius dedicato a musiche di Tansman, l'interpretazione di Frédéric Zigante del Concertino pour guitare et orchestre. Come accade sovente, l'interpretazione dal vivo procura delle emozioni che sfuggono alla registrazione e questa esecuzione, in prima per l'Italia, ha raggiunto momenti di grande lirismo e bellezza, soprattutto nell'Intermezzo. Frédéric Zigante ha padroneggiato la partitura con sicurezza, bel suono e precisione tecnica, raccogliendo, insieme agli orchestrali, grandi consensi del pubblico. Il programma prevedeva come brano di chiusura, la prima esecuzione assoluta del Concerto for guitar and chamber orchestra di Boris Vladimirovic Asaf'ev (1884-1949) che fu amico ed organizzatore del rientro nell'U.R.S.S. di Sergej Prokof'ev, prima nel 1928 e poi, qualche anno dopo il suo ritorno definitivo in patria. Il nome di Asaf'ev irruppe soltanto qualche anno fa nell'alveo della musica per chitarra, grazie ai ritrovamenti del musicologo ed editore Matanya Ophee, il quale è riuscito a rintracciare tutto il corpus chitarristico di questo autore. Dagli studi compiuti da Ophee e da Angelo Gilardino - al quale è stato affidato l'arduo compito di ricostruire il Guitar Concerto - si fa largo l'ipotesi che le musiche di Asaf'ev per chitarra, possano essere il frutto dell'amicizia nata tra il compositore ed il famoso chitarrista Andrés Segovia durante i suoi reiterati e prolungati soggiorni moscoviti. Il Guitar Concerto è concepito in una singolare forma musicale rispetto ai più consueti concerti per chitarra ed orchestra. Si apre con un primo tempo Allegro Moderato nel quale la chitarra e l'orchestra dialogano su temi che, data la vicinanza dell'autore con Prokof'ev e Siostakovic, si direbbero molto lontani dallo stile di questi due autori ma piuttosto vicini a Tchaikoskj al quale appartiene il tema che costituisce il materiale per il secondo movimento, un tema con variazioni sulle battute iniziali di Mazepa. Singolarmente, è la chitarra sola ad eseguire il tema e le prime due variazioni, mentre l'orchestra si unisce allo strumento solista nel Finale, di carattere brillante con cui si chiude il Concerto. Composizione piuttosto breve, si ascolta con piacere accanto al Concertino di Tansman, dato il carattere contrastante delle due opere: tutto giocato sull'introspezione quello di Tansman, più luminoso e brillante quello di Asaf'ev. Il pubblico ha accolto con calorosi applausi il lavoro di Zigante e dell'Orchestra Energienove, premiando così una bella serata di musica. Zigante ha offerto ben tre bis, l'ultimo dei quali (Sevilla di Albeniz) fu dedicato ancora al ricordo di Michele Pittaluga.

Griselda Ponce de Leon - GuitART- Luglio 2001